Stampa

"Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo di tutte le vittime delle mafie"

Oltre 100 mila persone provenienti da tutta Italia si sono riunite stamattina a Bari convocate da Libera e Avviso Pubblico, con il patrocinio della Regione Puglia, della Provincia e della Città di Bari, per la XIII edizione della "Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo di tutte le vittime delle mafie"'. Un corteo lungo, colorato, festoso composto da tantissimi giovani che sin dalle prime ore del mattino si è riunito a Punta Perotti, l’ecomostro abbattuto simbolo della legalità. Presenti i gonfaloni di tantissimi comuni d'Italia, striscioni delle scuole della Sicilia, della Calabria, della Lombardia, del Piemonte.

Ad aprire il corteo Luigi Ciotti, con i familiari delle vittime delle mafie. Presenti, tra gli altri al corteo, i ministri Massimo D’Alema e Alfonso Pecoraro Scanio, il presidente della camera Fausto Bertinotti, Francesco Forgione presidente della commissione antimafia, il magistrato Giancarlo Caselli.

Durante il corteo sono stati scanditi i nomi delle oltre 700 vittime delle mafie. Nomi di semplici cittadini, magistrati, giornalisti, appartenenti alle forze dell’ordine, sacerdoti, imprenditori, sindacalisti, esponenti politici e amministratori locali morti per mano delle mafie solo perché, con rigore e coerenza, hanno compiuto il loro dovere.

«Basta! – ha affermato Luigi Ciotti, presidente di Libera – le parole sono stanche. Contro le mafie serve l’agire concreto a partire dalle istituzioni e dal mondo politico. Ma il cambiamento – ha proseguito Luigi Ciotti – ha bisogno di tutti, di noi. Dobbiamo prendere coscienza che c’è bisogno delle nostre scelte, del nostro fare concreto, del nostro impegno, del nostro coraggio, della nostra voglia di metterci in gioco, delle denunce che nella quotidianità fanno la loro parte.

A Bari hanno marciato, anche circa 200 giovani europei in rappresentanza di oltre 50 ong di 30 Paesi del Mediterraneo, dei Balcani e dell’ex Unione Sovietica del Caucaso che insieme a Libera presenteranno a Bruxelles al Paralamento europeo agli inizi di giugno la prima "Rete Europea contro le mafie".

(15/3/08 - Fonte: Libera)

 
.

Questo sito web utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su `Accetto` acconsenti all`uso dei cookie.