fbpx

Immigrazione e lotta alle mafie, due priorità per il CNCA

Si è svolta ieri e oggi a Castel Volturno l’Assemblea dei delegati della Federazione

COMUNICATO STAMPA

Immigrazione e lotta alle mafie, due priorità per il CNCA

Assemblea a Castel Volturno, ieri e oggi, per rilanciare il ruolo della Federazione
e dei gruppi aderenti su due questioni cruciali per il futuro del paese

Castel Volturno, 9 aprile 2010

Castel Volturno (Ce) – Il Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA) ha scelto Castel Volturno per celebrare – ieri e oggi – la sua Assemblea dei delegati 2010, importante appuntamento in vista dell’assemblea elettiva di dicembre, nella quale verranno eletti un nuovo presidente e gruppo dirigente rinnovato.

“Abbiamo scelto Castel Volturno”, spiega Lucio Babolin, presidente del CNCA, “come uno dei luoghi simboli della lotta alle mafie e della questione immigrazione nel nostro paese. Ieri i partecipanti all’assemblea hanno visitato il Centro Fernandes, luogo di accoglienza delle persone immigrate attivato a Castel Volturno dall’Arcidiocesi di Capua. Oggi siamo nella masseria confiscata a un boss della camorra che verrà gestita dalla cooperativa Le Terre di don Peppe Diana.”

“L’immigrazione richiede capacità di ascolto e di accoglienza, apertura di testa e di cuore e valorizzazione di competenze e capacità”, afferma Babolin. “Tanto più, dove la presenza delle persone straniere è decisiva per l’economia del territorio e costituisce una parte significativa della popolazione residente, come accade a Castel Volturno. Il Centro Fernandes è una delle tantissime esperienze che, in Italia, sono portatrici di questa cultura, e che non hanno la visibilità e l’appoggio che meritano.”

“La cooperativa Le terre di don Peppe Diana, invece”, continua il presidente del CNCA, “è il segno forte di un impegno concreto contro le mafie che è capace di farsi creazione di opportunità di lavoro e di sviluppo per il territorio. Che è in grado di tenere insieme azione per la legalità e innovazione sociale e produttiva. Il tentativo di Libera – che promuove la cooperativa – di coinvolgere altri produttori locali nell’investimento sull’agricoltura biologica, è indicativo della volontà e della capacità di operare in favore dell’intera comunità.”

“Queste due esperienze”, conclude Babolin, “chiamano anche le istituzioni a fare molto di più. Bisogna investire nell’integrazione degli immigrati, invece di azzerare il Fondo nazionale ad hoc creato dal precedente governo e varare provvedimenti che non favoriscono certo la convivenza pacifica e il rispetto dei diritti delle persone straniere. Inoltre, vanno velocizzate e snellite le procedure che portano all’uso effettivo dei beni confiscati e sostenute le esperienze che da essi prendono avvio. La nostra Federazione si impegnerà su questi due fronti in modo sempre più forte.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti privati o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull'utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore.

Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
X