fbpx

Inchiesta sul lavoro sociale, due incontri in Toscana

Un’occasione per far discutere soggetti diversi su alcuni nodi critici che riguardano la condizione degli operatori sociali

Il CNCA Toscana e Rifondazione comunista hanno organizzato due appuntamenti per discutere pubblicamente, con altri addetti ai lavori, i risultati della ricerca sul lavoro sociale “Voci e volti del welfare invisibile”, promossa da CNCA, Rifondazione comunista, FISH e Libera.

I due incontri, tenutisi il 14 e il 15 dicembre rispettivamente a Livorno e Firenze, sono serviti ad almeno due scopi: diffondere i risultati della ricerca e creare un’occasione di incontro tra soggetti del sociale diversi.

Per il primo punto, i risultati della ricerca – oltre a ribadire la marcata femminilizzazione del lavoro sociale (oltre il 65% degli operatori sono donne) – hanno confermato che la maggioranza dei lavoratori (66%) guadagna meno di 1200 euro al mese. La situazione retributiva si affianca a quella contrattuale: il 40% dei questionari racconta di situazioni lavorative precarie. La motivazione risulta in generale alta (il lavoro sociale è una prima scelta), come il senso d’appartenenza alle organizzazioni, ma la responsabilità della situazione è attribuita alle Istituzioni e all’Ente locale dal 26% degli intervistati, alle cooperative e agli altri soggetti gestori dei servizi dal 17%, ad entrambi (Enti locali e cooperative insieme) dal 41%. Nell’analisi dei dati i ricercatori hanno evidenziato che la situazione attuale – con gli 11 contratti presenti nel settore – non facilita il riconoscimento e la stabilizzazione del lavoratore sociale.

Per il secondo punto l’incontro di Firenze ha visto la partecipazione, tra gli altri, del sindacato confederale CGIL insieme alle RDB-CUB: nel confronto, inevitabilmente serrato, che ne è venuto fuori, è stata condivisa da tutti la necessità di una maggiore assunzione di responsabilità da parte del pubblico rispetto ai servizi dati in affidamento al privato sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti privati o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull'utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore.

Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
X