fbpx

L’Italia sono anch’io: le proposte in commissione

I promotori: “Ora una definizione chiara e rapida del calendario dei lavori parlamentari”

“L’ITALIA SONO ANCH’IO”:
ASSEGNATE ALLE COMMISSIONI COMPETENTI LE DUE PROPOSTE DI LEGGE

La Camera dei Deputati ha certificato la regolarità delle oltre 200mila firme raccolte dai promotori della Campagna
sui diritti di cittadinanza. “Ora una definizione chiara e rapida del calendario dei lavori parlamentari”

La verifica delle firme raccolte dalla Campagna “L’Italia sono anch’io” per le due proposte di legge di iniziativa popolare sui diritti di cittadinanza è stata ultimata con esito positivo dal Servizio per i testi normativi della Camera dei Deputati. Lo rendono noto i promotori della Campagna, che lo scorso 6 marzo avevano consegnato oltre 200mila firme per chiedere al Parlamento la revisione della legge sulla cittadinanza e l’allargamento dei diritti di voto agli stranieri residenti in Italia.

Con la certificazione della regolarità delle adesioni raccolte dai promotori può avere così inizio il percorso di esame delle due proposte, che sono state registrate e assegnate all’iter parlamentare.

La proposta di legge sulla concessione della cittadinanza ai figli degli immigrati che nascono in Italia (da un genitore legalmente residente da almeno un anno) aveva raccolto 109.268 firme. È stata registrata con il n. 5030 ed assegnata alla Commissione Affari Costituzionali.

La proposta di estensione del diritto di voto nelle elezioni amministrative agli stranieri residenti da almeno 5 anni era stata presentata con 106.329 sottoscrizioni. Sarà discussa, con il n. 5031, congiuntamente dalle Commissioni Affari Costituzionali ed Esteri.

“Abbiamo compiuto un’altra tappa importante – dichiarano i promotori della Campagna – adesso la parola passa alle Commissioni parlamentari. Chiediamo ora una definizione chiara e rapida del calendario di esame delle proposte, in rispetto dei tantissimi cittadini che le hanno sostenute”.

La campagna nazionale “L’Italia sono anch’io” è promossa da 19 organizzazioni della società civile: Acli, Arci, Asgi-Associazione studi giuridici sull’immigrazione, Caritas Italiana, Centro Astalli, Cgil, Cnca-Coordinamento nazionale delle comunità d’accoglienza, Comitato 1° Marzo, Emmaus Italia, Fcei – Federazione Chiese Evangeliche In Italia, Fondazione Migrantes, Libera, Lunaria, Il Razzismo è una brutta storia, Rete G2 – Seconde Generazioni, Tavola della Pace e Coordinamento nazionale degli enti per la pace e i diritti umani, Terra del Fuoco, Ugl Sei e dall’editore Carlo Feltrinelli. Presidente del comitato è il sindaco di Reggio Emilia Graziano Delrio.

Roma, 3 aprile 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti privati o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull'utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore.

Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
X