fbpx

Marche, manifestazione il 26 novembre davanti alla sede della Regione

In favore delle persone non autosufficienti. Organizza la campagna “Trasparenza e Diritti”

Persone non autosufficienti e servizi sociosanitari
Il 26 novembre la manifestazione davanti la sede della Regione Marche

Sono oltre 80 le organizzazioni regionali, che promuovono e aderiscono alla manifestazione regionale del 26 novembre, “Servizi sociosanitari nelle Marche. Il 26 novembre manifestazione regionale”, promossa dalla Campagna “Trasparenza e diritti”, a cui aderisce anche il CNCA Marche. E’ la prima volta che nelle Marche un numero così grande di organizzazioni, con un movimento dal basso, promuove una manifestazione regionale a sostegno delle esigenze e dei diritti delle persone che necessitano di interventi e servizi sociosanitari. Si tratta di associazioni di volontariato, cooperative, utenti che operano nell’ambito degli interventi rivolti a persone disabili, soggetti con disturbi mentali, anziani non autosufficienti e con demenze.
La manifestazione ha ricevuto l’adesione di importanti federazioni nazionali: la federazione italiana superamento handicap (Fish), la federazione italiana paratetraplegici (Faip), il movimento italiano per la vita indipendente (Enil Italia).

Le organizzazioni dopo aver atteso per mesi risposte chiare dalla Regione rispetto ai contenuti applicativi di due delibere regionali di luglio e agosto, ne chiedono il ritiro.
Rifiutano: a) la proposta regionale di un modello residenziale che ripropone grandi strutture nel quale la prospettiva economica domina rispetto alla preoccupazione per la qualità di vita con servizi radicati nei territori; b) l’indicazione per alcuni servizi diurni e residenziali, di quote a carico di utenti e Comuni superiori a quelle previste dalla normativa nazionale, con il concreto rischio di impossibilità di accedere ai servizi essenziali. La tutela della salute è un diritto costituzionale che riguarda tutti i cittadini malati compresi quelli con patologie croniche.

Chiedono: una applicazione coerente della normativa nazionale sui livelli essenziali di assistenza sociosanitaria, una offerta di servizi non parametrata con riferimento provinciale, ma territoriale, definizione di adeguati standard di personale con tariffe trasparenti, potenziamento del sostegno alla domiciliarità, abbattimento delle liste di attesa nei servizi per le persone non autosufficienti.

Auspicano: che la Regione non voglia continuare ad essere sorda alla richieste di tante organizzazioni e persone che chiedono risposte adeguate alle esigenze e diritti delle persone con interventi sostenibili e dignitosi.

Campagna “Trasparenza e diritti”
Comitato Associazioni Tutela
http://leamarche.blogspot.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti privati o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull'utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore.

Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
X