fbpx

“Dieci in paura”, un libro di racconti sulla sicurezza

Appena uscito in libreria, è curato da Maria Nadotti. Un’idea del CNCA

“Dieci in paura”, un libro di racconti sulle paure sociali e l’ossessione sicurezza

cop_10_in_paura_bassa

È uscito da poco in libreria “Dieci in paura”, un libro di racconti curato da Maria Nadotti e promosso dal CNCA.

Il testo raccoglie 9 racconti sul tema delle paure sociali e della sicurezza, più un’introduzione scritta dalla stessa Nadotti.

È pubblicato dalla casa editrice Epoché e costa 14 euro (ma se lo prendete con Amazon vi costa 9,80 euro: http://www.amazon.it/s/ref=nb_sb_noss?__mk_it_IT=%C5M%C5Z%D5%D1&url=search-alias%3Daps&field-keywords=dieci+in+paura).

Il volume è chiuso da una postfazione di Lucio Babolin.

Il libro è nato da una nostra idea.

Dopo gli anni piuttosto terribili del 2007-2008 – della “emergenza sicurezza” – è apparso chiaro che non riuscivamo a comunicare con l’opinione pubblica. E che era diventato urgente farlo.

Ma un’azione come questa richiede anche nuovi strumenti, e nuove e più continue alleanze, a cominciare da quelle con i mondi dell’arte più sensibili alla nostra visione delle cose.

Per questo, qualche tempo fa, abbiamo coinvolto sull’idea di un libro di racconti Maurizio Braucci (uno degli sceneggiatori del film “Gomorra”, che ha anche partecipato all’incontro dei gruppi CNCA del Sud tenutosi poco tempo fa), Fabrizio Ottaviani (critico letterario e scrittore), Luca Rastello (che è stato, tra l’altro, direttore di “Narcomafie” e “Aspe” ed è oggi redattore de “La Repubblica delle Donne”) e appunto Maria Nadotti, consulente editoriale di numerose case editrici, molto impegnata sui temi sociali e politici.

Proprio l’entusiasmo e la determinazione di Maria ha permesso di realizzare il libro. È lei che ha contattato tutti gli altri autori, definito meglio il progetto, presentato il testo ad alcune case editrici.

Epoché, piccola ma pregiata casa editrice milanese (http://www.epoche-edizioni.it/catalogo2.asp?idsch=161&idaut=75), ha accettato di stampare il volume.

La scelta di Maria Nadotti è stata quella di coinvolgere nel progetto autori molto diversi per età, formazione, luogo di residenza.

Marisa Bulgheroni scriveva per “Il mondo” di Pannunzio e “Comunità” di Olivetti! Cristian Ceresoli è nato nel ’75. Giulia Niccolai è monaca buddhista tibetana dal 1990.

Alcuni, come Rastello e Braucci, hanno avuto o hanno tuttora esperienze di lavoro nel mondo del sociale. Milena Magnani ha lavorato in comunità di recupero per tossicodipendenti e nel settore psichiatrico.

Scarica l’indice del volume, il testo dell’introduzione di Maria Nadotti, le note bio-bibliografiche sugli autori e la postfazione di Lucio Babolin.

BUONA LETTURA!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti privati o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull'utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore.

Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
X