fbpx

Terza edizione di Redattore Sociale a Milano

Iniziativa organizzata con CNCA Lombardia, Anfass Milano, “Terre di Mezzo”, Ledha e Affaritaliani.it

Più di 200 giornalisti, tra cui un centinaio di ragazzi iscritti alle scuole di giornalismo di Milano, hanno partecipato al seminario “In mare aperto. Le notizie sociali e una professione nella tempesta”. Questo il titolo della terza edizione del seminario di formazione per giornalisti sui temi del disagio e delle marginalità organizzato dall’agenzia Redattore sociale in collaborazione con Cnca Lombardia, Anfass Milano, Terre di Mezzo, Ledha e Affaritaliani.it. Il primo richiamo alla tempesta viene dal presidente dell”Ordine dei giornalisti della Lombardia Letizia Gonzales che sottolinea la gravità del fenomeno del precariato: il 50% degli iscritti all’albo della Lombardia sono giovani free lance. Ma non è questo l’unico fronte della tempesta: “La nostra professione ha bisogno di recuperare credibilità e fare autocritica -dice Letizia Gonzales-. C’è una mania per lo scoop, le notizie sono superficiali e non vengono verificate”.

Il giornalismo, conclude il presidente dell’Ordine rivolgendosi ai giovani in sala, richiede serietà; ma il giornalista deve anche prestare attenzione “alla proprietà del linguaggio, che è fondamentale per la completezza dell’informazione”. Da qui il richiamo alla Carta di Roma, il documento approvato dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti il 13 giugno scorso.

“Spesso chi fa comunicazione viene percepito come un alleato di chi fa salire la burrasca”, commenta Oliviero Motta, membro dell’esecutivo del Coordinamento nazionale comunità d’accoglienza (Cnca) della Lombardia e vice presidente di “Comunità nuova” intervenendo al seminario di Redattore Sociale a Milano “In mare aperto. Le notizie sociali e una professionale nella tempesta” . “Si mette in un unico fascio chiunque stia ai margini. E anche noi ci sentiamo messi in un angolo -aggiunge Oliviero Motta-. Siamo di fronte a una società più impegnata a educare alla difesa che al rapporto con gli altri”.

—————————————

Siamo in un momento di tempesta e le onde, in questi mesi, sono alte come ricorda anche don Gino Rigoldi, cappellano del Beccaria, fondatore di Comunità Nuova, facendo riferimento al tema della sicurezza. “In questi mesi tutti hanno imparato che i romeni stuprano le donne. È assolutamente falso, ma tutti ci credono -commenta don Gino Rigoldi-. Siamo di fronte a una montatura assolutamente opportunistica che, dal punto di vista sociale, provoca una distruzione”. Un danno che colpisce soprattutto i giovani: la mancanza di fiducia, la (presunta) necessità di tenere le distanze “uccide la relazione e fa diventare rachitica la crescita”, conclude don Rigoldi.

Giornalisti e terzo settore possono essere protagonisti di un’alleanza virtuosa. Comunicando le ragioni di chi lavora in silenzio e non appare, raccontando le molte storie di riscatto ma anche, come suggerisce Angelo Fasani, presidente di Anfass Milano, accettando una sfida: “Ribaltare la gerarchia delle notizie. Il terzo settore può aiutare i giornalisti, a diffondere quelle che ritiene notizie significative che spesso passano sotto silenzio”.

Ma ai giornalisti spetta un altro compito, forse più impegnativo: dare dei riferimenti etici. “Possono assumersi responsabilità educative?”, conclude provocatoriamente don Gino Rigoldi.

(23-4-2009; Fonte: Redattore Sociale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti privati o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull'utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore.

Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
X