fbpx

Attentato a Brindisi: profonda preoccupazione

Presa di posizione del CNCA

“Ci uniamo al dolore delle famiglia della vittima e a tutte quelle degli altri studenti feriti nell’attentato”, afferma don Armando Zappolini, presidente del CNCA. “La scelta della scuola dove è stato fatto esplodere l’ordigno, intitolata a Falcone e a sua moglie, l’avvicinarsi della ricorrenza dei venti anni dall’attentato a Falcone e alla sua scorta e l’imminente passaggio, nel brindisino, della Carovana antimafia, sono elementi che ci fanno pensare a una matrice mafiosa del gesto.”

“Lo Stato – ha proseguito Zappolini – ha il dovere di dimostrare da subito una chiara volontà di fare luce sull’accaduto, senza che rimangano ombre come in passato a improgionare la verità”.

“E’ il momento di una grande coesione sociale dei cittadini – ha concluso Zappolini – e la politica ha il compito di dare segnali forti e chiari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti privati o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull'utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore.

Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
X