fbpx

Travisamenti e falisficazioni nell’articolo di “Panorama” sugli affidamenti dei minori

Presa di posizione dell’Associazione nazionale magistrati per i minorenni e la famiglia (AIMMF) sull’intervista del settimanale a un ex magistrato del Tribunale dei minori di Bologna

Come un basso continuo il settimanale “Panorama” da qualche tempo continua a dar voce a opinionisti che gettano con leggerezza discredito sul lavoro di quanti sono impegnati nella tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. E non da spazio alle repliche e voci contrarie.

Riportiamo la presa di posizione dell’assemblea dell’AIMMF recentemente riunitasi a Salerno lo scorso 16 novembre 2013, nel corso della quale, prendendo spunto dall’intervista di “Panorama” a Francesco Morcavallo, ha diramato il seguente comunicato:

“Le affermazioni di recente ripetute da un ex magistrato del Tribunale per i minorenni di Bologna in una intervista al settimanale Panorama contengono evidenti travisamenti e falsificazioni, da cui possono derivare gravi conseguenze per la tutela dei minori e per il corretto funzionamento delle istituzioni, per la sfiducia che possono ingenerare nell’operato della magistratura minorile.

“Sono dichiarazioni che, per la loro falsità, in particolare offendono l’onorabilità e l’immagine professionale del Tribunale per i minorenni di Bologna e dei giudici onorari che in quell’ufficio giudiziario operano con impegno e dedizione.

“L’AIMMF ribadisce la deplorazione già espressa nel comunicato del 3 giugno 2013, con riferimento a dichiarazioni analoghe: “Affermare che i provvedimenti giudiziari di inserimento dei minori in contesti extrafamiliari sarebbero adottati in assenza di qualsiasi disposizione di legge e finalizzati ad alimentare “il mercato degli affidamenti e delle adozioni” per interessi economici che coinvolgerebbero i magistrati, offre una rappresentazione falsa e offensiva dell’operato della magistratura e dei principi di indipendenza e imparzialità che ne fondano le decisioni”.

“E’ falso che gli allontanamenti dai nuclei familiari siano effettuati nelle dimensioni abnormi indicate nell’articolo; essi vengono disposti solo in casi estremi, quando ogni altra misura sperimentata si è dimostrata inefficace.

“Contrariamente a quanto viene sostenuto nell’intervista, ogni provvedimento del Tribunale minorile:
a) è il risultato di una decisione collegiale, cui partecipano giudici professionali ed onorari individuati secondo criteri predeterminati;
b) i servizi sociali, in assoluta autonomia, hanno il compito di individuare la struttura comunitaria.

“L’AIMMF difende, inoltre, il contributo insostituibile di competenza e di esperienza che i giudici onorari quotidianamente apportano, con spirito di servizio e scarse gratificazioni economiche.

“Ricorda infine che precise disposizioni vietano ai responsabili di strutture comunitarie di ricoprire il ruolo di giudici onorari e che, comunque, vi è un obbligo di astensione dalla decisione per ogni giudice coinvolto nella specifica vicenda del minore qualora sussistano situazioni di incompatibilità.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti privati o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull'utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore.

Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
X