fbpx

Anche il CNCA al Festival dell’Arte Irregolare

Una iniziativa che ha valorizzato il lavoro artistico delle persone in situazione di sofferenza mentale o di disagio sociale

Nell’ottobre 2015, all’assemblea nazionale, il CNCA invita Jacopo Fo, per raccontarsi, per conoscersi.

Da quell’incontro è nato un invito, a distanza di pochi mesi: Jacopo e le persone impegnate nel Nuovo Comitato Nobel per i Disabili (fondato da Dario Fo, Franca Rame e Jacopo Fo) propongono al CNCA di collaborare al loro progetto di “Arte Irregolare”, una iniziativa che valorizza il lavoro artistico delle persone che si trovano in situazione di sofferenza mentale o di disagio sociale e promuove la cultura dell’inclusione sociale e del contrasto allo stigma.

Dal progetto, attivo dal 2014, nasce il primo Festival di Arte Irregolare, pensato e deciso nella meravigliosa cornice di Alcatraz, fra le colline umbre, in una riunione in cui anche il CNCA si è preso degli impegni: coinvolgere operatori del sociale del’Umbria e scovare artisti interessati.

Il Festival, pensato e realizzato in 4 mesi, si è tenuto il 2, 3 e 4 ottobre scorsi. Sono state esposte le opere di artisti bolognesi, toscani, piacentini e umbri e si è svolta con grande partecipazione una giornata formativa dal titolo “L’arte per l’inclusione: interventi di artisti, operatori ed esperti”, in cui sono state coinvolte ben quattro Aziende sanitarie: Bologna, Firenze, Piacenza e Perugia.

Il CNCA ha inoltre favorito la nascita della collaborazione con il PERSO Film Festival, il festival di cinema sociale tenutosi a Perugia dal 2 al 10 ottobre.

Con il Progetto Arte Irregolare la valorizzazione degli artisti e delle opere avviene principalmente attraverso la galleria ARTE IRREGOLARE (galleria espositiva in internet: http://arteirregolare.comitatonobeldisabili.it/).

La galleria attualmente ospita 30 artisti direttamente contattabili per l’acquisto delle loro opere. Grazie a questo progetto si è avviato un percorso culturale che dà valore alla creatività differente che non trova spazio nei consueti canali espositivi, anche per le specifiche difficoltà relazionali degli stessi artisti. L’intero processo è da intendersi come un percorso riabilitativo e creativo: la relazione con gli artisti e il loro contesto di vita, la selezione e la catalogazione delle loro opere, la raccolta dei loro racconti, la realizzazione e l’aggiornamento della galleria, la creazione di eventi e la documentazione.

(articolo di Catina Bufo)

Leggi anche il messaggio di cordoglio che il CNCA ha inviato a Jacopo Fo per la scomparsa del padre Dario e la risposta di jacopo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti privati o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull'utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore.

Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
X