fbpx

CNCA: ”Cucchi e Blefari, vittime di un carcere malato”

Presa di posizione della Federazione sulle due gravissime vicende

CNCA: “Cucchi e Blefari, vittime
di un carcere malato”

Non sono più rinviabili l’attuazione della riforma sanitaria per i detenuti
e il ricorso alle misure alternative per tutti coloro che ne hanno diritto

Roma, 2 novembre 2009

“Un carcere sempre più malato produce episodi sempre più estremi e gravi: Stefano Cucchi e Diana Blefari ne sono le ultime vittime.” Così Lucio Babolin, presidente del Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA) esprime il dolore della Federazione per le due diverse vicende e chiede alle istituzioni una rapida inversione di rotta per rendere più umane e trasparenti le condizioni di vita negli istituti penitenziari.

“I gravissimi fatti di questi giorni”, continua Babolin, “richiedono, prima di tutto, che si accertino responsabilità e omissioni. A tal proposito, il CNCA ritiene che occorra agire rapidamente e senza avere riguardi per nessuno. Chi ha sbagliato, paghi.”

“Ma è chiaro che, in queste vicende,” afferma il presidente del CNCA, “riemergono questioni più generali, che rimangono del tutto irrisolte. In primo luogo, il passaggio – tutto da realizzare – da un’assistenza sanitaria per i detenuti curata dall’Amministrazione penitenziaria a una sanità che fa capo al Servizio sanitario nazionale. Oggi il sistema continua a non saper far fronte alle situazioni patologiche, fisiche e psichiche, che riguardano i carcerati, i quali stanno persino peggio di prima.”

“Ma il problema principale resta quello di un sovraffollamento inumano”, conclude Babolin, “Da tempo il CNCA propone di risolvere il problema – che è causa anche dell’altissimo numero di suicidi e di malattie di vario genere che colpiscono sia la popolazione detenuta sia gli agenti della polizia penitenziaria – ricorrendo alle misure alternative per chi ne ha diritto per legge. E ciò è possibile anche per le persone tossicodipendenti e per quelle immigrate. Si possono usare, a tal scopo, sia le risorse che si libererebbero togliendoli dal carcere, sia i fondi, di notevole entità, contenuti nella Cassa ammende – a cui affluiscono le somme versate per le pene pecuniarie – che dovrebbero per legge essere impiegati anche per favorire il reinserimento dei detenuti, ma che giacciono in gran parte inutilizzati.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti privati o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull'utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore.

Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
X