fbpx

Ero Straniero scrive a Piantedosi: ‘Faciliti il rilascio del permesso di soggiorno per attesa occupazione’

NOTA STAMPA

CLICK DAY: La Campagna Ero Straniero, insieme ad altre trenta organizzazioni,
scrive al Ministro Piantedosi: “Faciliti il rilascio del permesso di soggiorno
per attesa occupazione a lavoratrici e lavoratori che,
entrati col decreto flussi, sono a rischio irregolarità e sfruttamento”

La Campagna Ero Straniero, in vista dei nuovi click day della prossima settimana, insieme a oltre 30 tra associazioni e sindacati, ha inviato oggi una lettera per chiedere al ministro dell’interno Matteo Piantedosi di facilitare il rilascio del permesso di soggiorno per attesa occupazione a lavoratrici e lavoratori che, pur avendo fatto ingresso in Italia attraverso il decreto flussi, non  sono stati poi assunte/i dal datore di lavoro o, ancora peggio, sono incappati in vere e proprie truffe, perdendo la possibilità di ottenere i documenti e rimanere legalmente in Italia: si tratta di decine di migliaia di persone costrette a una situazione di irregolarità giuridica e di estrema precarietà sociale per cause a loro non imputabili, ma a cui l’ordinamento non offre risposte né tutele adeguate.

Evidentemente, le recenti  modifiche normative, che hanno in parte semplificato la procedura di accesso, presentano delle criticità su cui è urgente intervenire: per esempio, la possibilità di svolgere l’attività lavorativa con il solo nulla osta ha ulteriormente avallato dinamiche distorsive e preoccupanti, se non veri e propri comportamenti illeciti. I numeri emersi dall’analisi dei dati sugli ingressi pubblicati nel dossier “La lotteria dell’ingresso per lavoro in Italia: i veri numeri del decreto flussi” della Campagna Ero straniero sono impressionanti: relativamente al decreto flussi per l’anno 2022, su un totale di 55.013 nulla osta rilasciati, solo 17.951 sono stati i contratti di soggiorno sottoscritti, il 32,63%; la maggior parte di lavoratrici e lavoratori, quindi, viene prima impiegata dalle aziende col solo nulla osta ma, una volta terminato tale impiego, non viene assunta e non ottiene, di conseguenza, il permesso di soggiorno, diventando irregolare.

Ero Straniero insieme alle organizzazioni firmatarie della lettera, chiede un intervento urgente volto a correggere tale distorsione, ricorrendo all’istituto dell’attesa occupazione, già previsto dalla legge, ma il cui utilizzo va ampliato affinché dia garanzie adeguate a lavoratori e lavoratrici che fanno ingresso con il decreto flussi: Chiediamo che, in caso di indisponibilità alla finalizzazione dell’assunzione attribuibile al datore di lavoro, al lavoratore venga concessa la possibilità di chiedere un permesso di soggiorno per attesa occupazione. Deve essere espressamente previsto, in primis tramite adeguate disposizioni a Prefetture e Questure, l’obbligo di  rilascio del permesso di soggiorno per attesa occupazione, in tutti i casi in cui la procedura viene rigettata per motivi non imputabili al lavoratore. Auspichiamo, inoltre, che tale possibilità venga inserita quanto prima nel Testo unico immigrazione con una modifica normativa dell’art. 22, co. 11 al fine di ridurre la discrezionalità di chi esamina la richiesta e garantire a chi fa ingresso in Italia tutte le tutele necessarie per poter svolgere regolarmente l’attività lavorativa e definire la propria posizione giuridica nel nostro Paese” si legge nel testo della lettera.

Tutte le realtà, infine, ribadiscono la necessità di una più generale riforma del sistema di ingresso per lavoro, a partire dall’introduzione di canali diversificati e flessibili disegnati a partire non solo dalle esigenze del nostro mercato del lavoro, ma anche tenendo conto delle aspettative di lavoratrici e lavoratori.

La Campagna Ero Straniero – promossa da A Buon Diritto Onlus, ActionAid, ASGI, Federazione Chiese Evangeliche Italiane, Oxfam, Arci, CNCA, CILD, Fondazione Casa della carità “Angelo Abriani” – ha raccolto adesioni per l’appello al ministro Piantedosi tra organizzazioni del terzo settore, associazioni datoriali, sindacati: Agenzia scalabriniana per la cooperazione allo sviluppo, Amnesty International Italia, Assindatcolf, Associazione Domina Roma Nord, Associazione Nazionale Giuristi Democratici, Associazione Senzaconfine, Baobab Experience, Casa dei Diritti Sociali Odv, CGIL, Cies Onlus, Cittadinanzattiva, Commissione Migrantes e GPCI Missionari Comboniani Italia, Comunità di Sant’Egidio, Consiglio Italiano per i Rifugiati, Danish Refugees Council Italia, Fondazione Migrantes, Forum per cambiare l’ordine delle cose, IRC Italy, Le Carbet, Libellula Italia Aps, Movimento Italiani senza cittadinanza, Nonna Roma, Re. Co. Sol., Refugees Welcome, Rete nazionale Europasilo, Società italiana di medicina delle migrazioni, Spazi circolari.

Per info e contatti:
Paola Amicucci
Ufficio stampa campagna Ero straniero
cell. 345 7549218

CNCA
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare. Inoltre, questo sito installa Google Analytics nella versione 4 (GA4) con trasmissione di dati anonimi tramite proxy. Prestando il consenso, l'invio dei dati sarà effettuato in maniera anonima, tutelando così la tua privacy.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
X