fbpx

I Casalesi azzardano. E il Governo che fa?

Presa di posizione della campagna Mettiamoci in gioco

COMUNICATO STAMPA

I Casalesi azzardano. E il Governo che fa?
L’operazione scattata oggi contro il clan campano testimonia, ancora una volta,
la rilevante presenza delle mafie nel business del gioco d’azzardo.
Urgente e necessaria una forte regolamentazione del settore

Roma, 27 giugno 2013

“L’importante operazione di polizia realizzata oggi contro il clan dei Casalesi”, afferma don Armando Zappolini a nome di “Mettiamoci in gioco” – la campagna nazionale contro i rischi del gioco d’azzardo promossa da ACLI, ADUSBEF, ALEA, ANCI, ANTEAS, ARCI, AUSER, Avviso Pubblico, CGIL, CISL, CNCA, CONAGGA, Federconsumatori, FeDerSerD, FICT, FITEL, Fondazione PIME, Gruppo Abele, InterCear, Libera, Shaker – pensieri senza dimora, UISP – “testimonia, ancora una volta, la rilevante presenza delle mafie nel business del gioco d’azzardo. Sale bingo, slot machine e gioco on line sono oggi tra i principali strumenti utilizzati dalle associazioni mafiose per riciclare il denaro sporco e fare profitti.”

“Questo dato evidente e incontrovertibile”, conclude don Zappolini, “insieme agli ingenti costi sociali e sanitari che una diffusione incontrollata del gioco d’azzardo sta provocando nel nostro paese, richiede una rigorosa regolamentazione del settore che il Governo e il Parlamento devono varare quanto prima.”

Info:
Mariano Bottaccio
cell. 329 2928070 – email: ufficio.stampa@cnca.it

Giusy Colmo
cell. 348 2819301 – email ufficiostampa@auser.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti privati o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull'utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore.

Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
X