fbpx

Lo dice la Costituzione: la via della pace è il cessate il fuoco ed il negoziato

Rispondendo all’appello lanciato da Vienna dai movimenti per la pace di tutto il mondo per una settimana di mobilitazione globale per il cessate il fuoco e il negoziato invitiamo tutti i pacifisti e le pacifiste a venire a Roma il 7 ottobre 2023 in una grande manifestazione “Insieme per la costituzione” per la pace in Ucraina e in tutto il mondo, per i diritti, per la giustizia climatica e sociale, per la democrazia, per il futuro dell’umanità intera.

Da troppi mesi la guerra iniziata con l’aggressione russa miete vittime in Ucraina e nel mondo. Le vite rovinate si accumulano come i cadaveri dei civili e dei soldati di entrambi gli eserciti. Per milioni di nuovi poveri in Africa e nel sud globale il rincaro degli alimenti ha portato alla fame. I costi del conflitto sottraggono risorse ai beni pubblici e a una transizione energetica sempre più impellente e necessaria. E mentre la guerra ed il riarmo rischiano di ingoiare tutto, a cominciare dalla democrazia, si affaccia lo spettro del conflitto nucleare anticipato dall’utilizzo di armi proibite come le bombe a grappolo.

Questa guerra va fermata subito, anche per fermare la terza guerra mondiale a pezzi e una nuova divisione del mondo in blocchi. Qualunque giudizio si voglia dare su come è stata condotta, oggi, o si passa alla trattativa ad oltranza oppure è guerra ad oltranza, senza più confini e limiti. La promessa di combattere sino all’estremo sacrificio o la ricerca di una vittoria totale sul campo non fanno che moltiplicare le sofferenze, i rischi e prolungare un conflitto che prima o poi dovrà arrivare su un tavolo negoziale.

Ma mentre da più parti del Sud del mondo si moltiplicano le spinte e le proposte per la ricerca di una soluzione politica nessuna seria iniziativa è stata sinora intrapresa dal nostro Paese e dall’Europa, che pure sono direttamente investiti e che avrebbero risorse politiche per favorire i negoziati. Questo prevede la nostra Costituzione che, memore delle due guerre mondiali, nega alla radice che la guerra – anche quella di difesa – possa essere considerata un mezzo per risolvere le controversie internazionali. La difesa, dice la Costituzione, è un “sacro dovere” ma la affida a noi cittadini, non alle armi e agli eserciti. La “Difesa civile, non armata e nonviolenta” ripudia la guerra e difende i principi fondamentali della Costituzione con mezzi compatibili con la pace.

Cessare il fuoco è la sola condizione per consentire, senza ulteriori inutili stragi, le iniziative diplomatiche, le trattative negoziali necessarie ad affrontare alla radice le cause del conflitto e porre le basi per un futuro comune.

Noi restiamo convinti che nel diritto internazionale, lavorando su un sistema di sicurezza reciproca, condivisa per tutti gli Stati e rispettando il diritto allo sviluppo e all’identità di tutte le popolazioni sia possibile risolvere, con la partecipazione di tutti i paesi del mondo, questo come altri conflitti.

Come abbiamo già detto nella grande manifestazione del 5 novembre “Le guerre e le armi puntano alla vittoria sul nemico ma non portano alla pace: tendono a diventare permanenti ed a causare solo nuove sofferenze per le popolazioni. Bisogna invece far vincere la pace, ripristinare il diritto violato, garantire la sicurezza condivisa. Non esiste guerra giusta, solo la pace è giusta. La guerra la fanno gli eserciti, la pace la fanno i popoli.”

Per questo il 7 ottobre ci uniremo alla mobilitazione che ci sarà in decine di altri Paesi per dire che l’unica vittoria è la pace.

Firmatari

RETE ITALIANA PACE DISARMO e le organizzazioni del suo ambito: ACLI, AOI, ANPI, ARCI, CGIL, IRIAD – Archivio Disarmo, LEGAMBIENTE, LIBERA, Movimento Nonviolento, SBILANCIAMOCI, UN PONTE PER.., Centro Studi Sereno Regis di Torino, CGIL di Padova, Associazione per la Pace, Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, Fondazione Finanza Etica, OPAL, Pax Christi Italia, Beati i costruttori di pace, Percorsi di pace di Casalecchio, CNCA, Glam, Accademia Apuana della Pace, COSPE, ASC (Arci Servizio Civile) Aps, Casa per la Pace Modena – OdV, Centro di Documentazione del Manifesto Pacifista Internazionale-CDMPI, Scuola di pace del Comune di Senigallia

CINI
Coordinamento Italiano NGO Internazionali
Amici Silvestro Montanaro
Gruppo Solidarietà
Migr-Azioni ETS
Coordinamento Comitati No autostrade Cr-Mn e Ti-Bre
Costituente Terra
Chiesa di tutti Chiesa dei poveri
osservatorio ONERPO
PeaceLink
ASSOCIAZIONE NAGASAKI-BRESCIA KAKI TREE for EUROPE – ETS
Terra di Mezzo
Associazione Scuola Cultura ed Arte di Pescara
ISDE Italia, Associazione Medici per l’Ambiente
Overall Rete multiculturale Faenza
GRIDAS – gruppo risveglio dal sonno
Rete Pangea di Scampia
Associazione Sud – Italy
Associazione Senzaconfine – Roma
Associazione per il rinnovamento della sinistra
Associazione Casa delle Donne di Viareggio
Associazione Verdi Ambiente e Società
Associazione Pace e Convivenza di Sesto Calende (Varese)
Uniti Per La Pace Padova
Comitato Pace e non più Guerra
Associazione Guide del Borsacchio
Casa dei Popoli APS di Foligno
Rete per la pace subito di Senigallia (AN)
Meic Lodi
ACU – Associazione Consumatori Utenti
Casa dei Popoli APS di Foligno
Associazione Guide del Borsacchio

CNCA
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare. Inoltre, questo sito installa Google Analytics nella versione 4 (GA4) con trasmissione di dati anonimi tramite proxy. Prestando il consenso, l'invio dei dati sarà effettuato in maniera anonima, tutelando così la tua privacy.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
X