fbpx

Norma sui rave party, non si educa con il diritto penale e la forza pubblica

Comunicato stampa

Norma sui rave party,
non si educa con il diritto penale e la forza pubblica
Disponibili online due podcast promossi dalla nostra federazione
per conoscere gli interventi degli operatori sociali
nei contesti del divertimento giovanile
e, in particolare, al free party tenutosi lo scorso anno a Valentano

Roma, 28 novembre 2022

“Ancora una volta una parte del mondo adulto, e delle istituzioni, reagisce alle domande e alle esigenze dei giovani ricorrendo alla punizione e alla sicurezza pubblica”, dichiara Riccardo De Facci, presidente del Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA). “La normativa che il governo ha approvato per le occupazioni abusive e l’organizzazione di raduni illegali – che prevede pene abnormi e spropositate – è viziata da una cecità ideologica verso fenomeni, anche discutibili, che non si comprendono e non si vuole comprendere. I rave e i free party sono il segno di un rinnovato desiderio di incontro, di festa, di divertimento dopo il difficile periodo vissuto a causa del covid, ancora più pesante per le nuove generazioni. Questi appuntamenti, come la movida notturna, le diverse forme di aggregazione sui territori, ma anche le situazioni di ritiro sociale (hikikomori), sono tutti fenomeni che chiedono agli adulti uno sforzo di sensibilità e di intelligenza, e di svolgere la propria funzione di educatori. Si può mettere in discussione ciò che non si condivide, ma non si educa con il diritto penale e la forza pubblica.”

“Preoccupa, poi, che la normativa approvata dal governo”, afferma il presidente del CNCA, “possa essere usata per colpire qualsiasi altra mobilitazione del mondo giovanile (come le occupazioni a scuola) e più in generale della società civile. Sarebbe gravissimo per la vita democratica del paese.”

“Come CNCA”, continua De Facci, “continueremo a essere presenti in tutti i contesti del divertimento giovanile, anche in quelli auto-organizzati, per essere vicini alle persone, aiutarle a dare un significato a quello che fanno, garantire la loro salute, mediare eventuali conflitti. E chiediamo che sia garantita in tutta Italia la presenza dei servizi di riduzione del danno nei contesti del divertimento giovanile, come previsto nei Livelli essenziali di assistenza.”

“La nostra federazione”, conclude De Facci, “è impegnata da anni con le sue unità di strada in rave, free party e nei luoghi della movida notturna. E, proprio perché ci siamo, vediamo le criticità che questi contesti presentano (un consumo problematico di alcol e droghe che riguarda un numero ampio di giovani), ma anche gli altri significati di queste molteplici esperienze. Esperienze che sono spesso fortemente travisate da media e opinione pubblica. Anche per questa ragione abbiamo promosso la realizzazione di due podcast sul free party che si è tenuto lo scorso anno nel Viterbese: la rappresentazione dell’evento come di un girone infernale, su cui si sono accumulate nel corso dei giorni numerose fake news, è stata paradigmatica di una reazione inadeguata del mondo adulto. La nostra federazione ha assicurato in quei giorni, con la rete ITARDD, una presenza costante all’evento con équipe professionali formate da educatori, assistenti sociali, psicologi, medici e infermieri. Sono stati coinvolti oltre 80 operatori, provenienti da 12 regioni italiane e da servizi omologhi di altri stati europei. Nei due podcast prendono la parola diversi degli operatori che hanno partecipato a questa azione, la più importante mai realizzata in Italia in questi contesti. Con loro, interviene nel podcast lo scrittore Vanni Santoni, che descrive bene cosa sia un evento come quello organizzato a Valentano.”

È possibile ascolta i due podcast sul nostro account Spotify:
Il rave di Valentano oltre gli stereotipi e le fake news
Rave Party e Riduzione del danno. Le ragioni sociali e politiche di una presenza attiva
I due podcast sono stati realizzati a cura di Melting Pod, un progetto di Open Group, e sono stati scritti e speakerati da Massimiliano Colletti.

Su questo sito utilizziamo strumenti privati o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull'utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore.

Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
X